Resoconto recenti attività AGI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

XIII Incontro Annuale dei Giovani Ingegneri Geotecnici 

7 e 8 giugno 2024 – Politecnico di Torino

Nel cuore di Torino, tra il 7 e l’8 giugno, si è svolta con grande entusiasmo la tredicesima edizione dell’Incontro Annuale dei Giovani Ingegneri Geotecnici (IAGIG), un’iniziativa dell’Associazione Geotecnica Italiana (AGI). L’evento ha visto la partecipazione di oltre 120 giovani ingegneri geotecnici provenienti da diverse aree, inclusi liberi professionisti, dipendenti pubblici e privati, giovani imprenditori, neolaureati e ricercatori.

Ospitato presso il Politecnico di Torino, in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Edile e Geotecnica (DISEG), l’IAGIG ha offerto un’ampia gamma di attività, tra cui quattro relazioni generali, un seminario e presentazioni di contributi tecnici su argomenti rilevanti nell’ambito della geotecnica. I temi trattati hanno spaziato dalle opere in sotterraneo alla gestione e manutenzione delle infrastrutture, dalla geotecnica sismica e le opere di fondazione alla geotecnica per l’energia e l’ambiente

Oltre alle sessioni tecniche, le attività sociali hanno suscitato interesse, con una cena presso La Casa del Pingone che ha visto la partecipazione di più di 65 persone. L’alto livello di partecipazione e l’atmosfera stimolante hanno dimostrato l’importanza di eventi come l’IAGIG nel favorire lo scambio di conoscenze e la collaborazione tra giovani professionisti e ricercatori nel settore della geotecnica.

Immagine che contiene vestiti, persona, interno, gruppo Descrizione generata automaticamente

Gli atti dell’Incontro, pubblicati in un volume a stampa che raccoglie 48 articoli (ISBN: 9788897517207), sono disponibili anche on-line (https://associazionegeotecnica.it/evento/xiii-iagig/).

Comitato organizzatore: Mauro Aimar, Gianluca Bella, Andrea Ciancimino, Nicolo’ Guarena, Alessandra Insana, Giulia La Porta, Maria Lia Napoli, Sabrina Moretti, Vincenzo Sergio Vespo, Maria Iovino (Coordinatrice).

Comitato scientifico: Francesco Di Buccio, Luca Flessati, Domenico Gaudio, Giulia Guida, Maria Iovino, Marco Rosone, Stefano Stacul, Gessica Umili.

Sponsor: Casagrande, Comacchio, Controls, CSPFEA, Eiseko, Harpaceas, Marchetti Dilatometer, Pini, Ripartenze, Sirive, Soprema, Systra SWS e Total Anchor.

Scarica gli atti IAGIG 2024

   

  

 

Corso su “La mitigazione del Rischio da Frana Mediante Sistemi di Allerta”

30 Maggio 2024 – Ordine degli Ingegneri di Bolzano

La Giornata di Ingegneria Geotecnica, organizzata dall’Associazione Geotecnica Italiana, dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia autonoma di Bolzano con la collaborazione dell’Agenzia per la Protezione Civile della Provincia autonoma di Bolzano e dall’Ordine dei Geologi Trentino Alto Adige, si è svolta il 30 maggio 2024 a Bolzano, presso la sede dell’Ordine degli Ingegneri. L’evento ha visto la partecipazione di numerosi esperti del settore, provenienti da diverse regioni italiane, che hanno condiviso le loro esperienze e le loro conoscenze sul tema della mitigazione del rischio da frana mediante sistemi di allerta. La giornata ha visto la partecipazione di circa 360 tecnici.
 
Il rischio frana nasce dalle particolari condizioni geomorfologiche e climatiche, che rendono il territorio italiano e quello alpino particolarmente vulnerabili agli eventi franosi, soprattutto in seguito a episodi di pioggia intensa o di scioglimento delle nevi. Le conseguenze possono riguardare perdite economiche e sociali fino arrivare a compromettere la vivibilità e lo sviluppo di intere aree.
 
Nel corso della giornata sono state illustrate soluzioni innovative per la mitigazione del rischio da frana con particolare riferimento ai sistemi di allerta, che sono stati definiti come dispositivi in grado di rilevare, monitorare e comunicare in tempo reale le condizioni di pericolo e di attivare le opportune misure di emergenza. Sono inoltre stati presentati casi di reali applicazioni di sistemi di monitoraggio in contesto alpino.
 
Nel corso della discussione finale tra i partecipanti sono stati condivisi i seguenti punti principali che si possono riassumere:

  • l’importanza di una visione olistica e multidisciplinare del rischio da frana, che tenga conto degli aspetti tecnici, sia di quelli sociali, economici e ambientali;
  • la necessità di una maggiore cooperazione e condivisione tra i diversi attori coinvolti, tra cui ricercatori, tecnici, amministratori, operatori e cittadini, a livello locale, nazionale ed europeo;
  • l’opportunità di sfruttare le potenzialità delle nuove tecnologie, come i satelliti, i sensori, i droni, l’intelligenza artificiale e il web, per migliorare la capacità di rilevamento, monitoraggio, previsione e comunicazione del rischio da frana;
  • la sfida di integrare i sistemi di allerta con le altre misure di mitigazione, come la pianificazione territoriale, la manutenzione delle opere di difesa, la formazione e la sensibilizzazione delle comunità, la gestione delle emergenze e la ricostruzione post-evento.

Un ringraziamento particolare va ai colleghi Fabio De Polo, Claudio Sartori e Nicola Moraci per l’organizzazione e il coordinamento scientifico dell’evento.

Il 14 novembre 2024 si terrà, sempre a Bolzano, la XI edizione della Giornata di Ingegneria Geotecnica.

       

Allegati:

Inserisci le credenziali per accedere all’ area riservata