Linee guida per la zonazione della suscettibilità, della pericolosità e del rischio di frana ai fini della pianificazione territoriale

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Negli ultimi trent’anni, in Italia e nel Mondo, si è registrato un notevole progresso delle conoscenze – sia nel settore tecnico e sia in quello scientifico – nell’analisi e nella zonazione della suscettibilità, della pericolosità e del rischio da frana a differenti scale di lavoro.

Negli ultimi trent’anni, in Italia e nel Mondo, si è registrato un notevole progresso delle conoscenze – sia nel settore tecnico e sia in quello scientifico – nell’analisi e nella zonazione della suscettibilità, della pericolosità e del rischio da frana a differenti scale di lavoro. In tale ambito e con specifico riferimento ad attività mirate alla pianificazione territoriale, il JTC-1 (Joint ISSMGE, IAEG and ISRM Technical Committee on Landslides and Engineered Slopes Technical Commettee) si è fatto promotore della stesura di Linee Guida che, tra l’altro, contemplano la proposta di una terminologia da condividere in campo internazionale e suggeriscono i passi fondamentali da seguire nell’articolato processo di gestione del rischio da frana.

Le Linee Guida, redatte in lingua inglese da un Comitato Scientifico costituito da sei esperti individuati dal JTC-1, sono state pubblicate nel 2008 su un numero speciale della Rivista Internazionale “Engineering Geology” e sono liberamente consultabili sul sito web del JTC-1  (http://www.webforum.com/jtc1/). 

Per la rilevanza degli argomenti trattati e delle raccomandazioni in esse contenute, l’Associazione Geotecnica Italiana ha voluto renderne disponibile una traduzione integrale in lingua italiana curata dal Prof. Settimio Ferlisi dell’Università degli Studi di Salerno.

Inserisci le credenziali per accedere all’ area riservata