Un’analisi delle prove di permeabilità a carico idraulico variabile

 

Il processo di filtrazione in moto vario, che si realizza durante una prova di permeabilità a carico variabile, viene

generalmente analizzato sulla base della classica teoria dei moti di filtrazione nell'ipotesi di mezzo poroso indeformabile.

Tuttavia, poiché alla variazione delle caratteristiche del moto corrisponde una variazione delle pressioni effettive, il provino

 

Il processo di filtrazione in moto vario, che si realizza durante una prova di permeabilità a carico variabile, viene

generalmente analizzato sulla base della classica teoria dei moti di filtrazione nell'ipotesi di mezzo poroso indeformabile.

Tuttavia, poiché alla variazione delle caratteristiche del moto corrisponde una variazione delle pressioni effettive, il provino

nel corso della prova subisce una variazione di porosità; per un’analisi più aderente alla realtà fisica e necessario pertanto

adottare la teoria della consolidazione.

Nella presente nota questa è stata adoperata nella sua formulazione più elementare, dovuta a Terzaghi, e distinguendo tra

le prove precedute da una fase di messa a regime (delayed fall) e quelle condotte con un improvviso impulso di sovrap-

sione (immediate fall).

L’analisi teorica ha consentito di precisare il significato della formula convenzionale comunemente adottata per interpretare

la prova, e di evidenziarne i limiti di validità; ha inoltre chiaramente indicato i vantaggi della tecnica « delayed fall ».


  Il proce …


AUTORI: Cascini L.
RIG ANNO:1978 NUMERO:1
Numero di pagine: 7


Allegato: https://associazionegeotecnica.it/wp-content/uploads/2011/01/rig_1979_1_7.pdf
Allegato:
Articolo completo: https://associazionegeotecnica.it/wp-content/uploads/2011/01/rig_1979_1_7.pdf