Prove di taglio diretto in sito del tipo multistage per la caratterizzazione della roccia di fondazione della diga sull’Alto Esaro

 

Sono state eseguite otto prove di taglio sull’ammasso roccioso in cui è incisa la valle dell'Alto Esaro, che verrà sbarrata con una diga in calcestruzzo a gravità alta 120 m.

 

Sono state eseguite otto prove di taglio sull’ammasso roccioso in cui è incisa la valle dell'Alto Esaro, che verrà sbarrata con una diga in calcestruzzo a gravità alta 120 m.

L’ammasso roccioso è caratterizzato da un sistema di giunti paralleli ai versanti della valle. I blocchi di prova hanno interessato l’ammasso roccioso di fondo valle (11 blocchi), i giunti menzionati (3 blocchi) ed il contatto calcestruzzo-giunto sulle sponde (1 blocco). Su ciascun blocco è stato eseguito un accurato rilievo geomeccanico prima e dopo la rottura, per ottenere tutti gli elementi necessari alla corretta interpretazione delle prove; quelli di fondo valle hanno avuto dimensioni 100X160 cm in pianta, quelli sulle sponde 70X70 cm.

La tecnica sperimentale adottata è quella "multistage" in cui lo stesso blocco è sottoposto a più cicli di carico con differenti valori dello sforzo normale. Si è brevemente discusso sui limiti insiti in questo metodo e sull’opportunità o meno di adottarlo.

Per ogni blocco di prova sono stati misurati, al variare dello sforzo normale applicato, lo sforzo di taglio e gli spostamenti nella direzione di scorrimento e verticale.

I tratti sperimentali delle curve sono stati poi estrapolati all'intero campo di scorrimenti, per ottenere le curve continue t(s), per ciascun valore di U. Per fissati valori di s le corrispondenti coppie sono state infine interpretate con il criterio di Mohr-Coulomb, ottenendo i valori di coesione ed angolo di attrito in funzione dell'angolo di dilatanza è stato calcolato utilizzando i valori misurati dello spostamento verticale in funzione dello scorrimento di taglio.

È stato così possibile tracciare per ogni blocco le curve della coesione e dell’angolo di attrito istantanei e quella della dilatanza.


  Sono sta …


AUTORI: Belloni L., Costantini G., Sordi P.
RIG ANNO:1995 NUMERO:4
Numero di pagine: 35


Allegato: https://associazionegeotecnica.it/wp-content/uploads/2010/05/RIG_1996_4_35.pdf
Allegato:
Articolo completo: https://associazionegeotecnica.it/wp-content/uploads/2010/05/RIG_1996_4_35.pdf