Le prove di permeabilità sulle terre vengono ordinariamente eseguite sotto carichi idrici dell’ordine di qualche metro. Ciò comporta, per i materiali di bassa permeabilità, tempi di prova molto lunghi e difficoltà di misura dei volumi permeati sia per la loro esiguità sia per l’effetto della evaporazione dal recipiente alimentatore o ricettore.

 

Le prove di permeabilità sulle terre vengono ordinariamente eseguite sotto carichi idrici dell’ordine di qualche metro. Ciò comporta, per i materiali di bassa permeabilità, tempi di prova molto lunghi e difficoltà di misura dei volumi permeati sia per la loro esiguità sia per l’effetto della evaporazione dal recipiente alimentatore o ricettore.

Il Laboratorio Geotecnico Marittimo di Costrzzzioni Idrauliche dell’Università di Roma ha studiato e messo a punto un apparecchio con il quale è possibile operare sotto carichi diversi, sino a valori assai elevati (14 m).

Ciò consente di contenere i tempi di prova entro limiti più ristretti e di accrescere l’entità della portata filtrante per modo che meno sensibili siano le ripercussioni sul risultato della prova delle incertezze di valutazione di quest’ultima.

Si è potuto osservare che gli elevati gradienti piezometrici che vengono a stabilirsi nei campioni, in conseguenza degli alti carichi, non producono sensibili movimenti di granuli all`interno del materiale onde le misure cosi ottenute sono da ritenersi sens’altro accettabili nel campo applicativo. 

  Le prove di permeabilit …

AUTORI: Barberis V. RIG ANNO: 1964 NUMERO: 3 Numero di pagina: 150


Allegato: https://associazionegeotecnica.it/wp-content/uploads/2011/05/rig_1965_3_150.pdf

Allegato:

Articolo completo: https://associazionegeotecnica.it/wp-content/uploads/2011/05/rig_1965_3_150.pdf