Comportamento della diga di Chiew Larn durante la costruzione e l’invaso

 

La diga di Chiew Larn, è stata costruita tra il 1985 ed il 1988 nel sud della Tailandia. È una diga in terra con nucleo di argilla verticale e con contronuclei in materiali granulari. Il nucleo è protetto a monte dalla transizione ed a valle dal filtro e poi dalla transizione.

La massima altezza della diga è 95 m, la quota della cresta è 100 m s.l.m.

 

La diga di Chiew Larn, è stata costruita tra il 1985 ed il 1988 nel sud della Tailandia. È una diga in terra con nucleo di argilla verticale e con contronuclei in materiali granulari. Il nucleo è protetto a monte dalla transizione ed a valle dal filtro e poi dalla transizione.

La massima altezza della diga è 95 m, la quota della cresta è 100 m s.l.m.

Fu costruita fino a quota 80 quando fu dato inizio al riempimento del lago, che raggiunse quota 77.5, mentre contemporaneamente si completava la costruzione della diga. È quindi nata una complessa situazione, nella quale gli sforzi dovuti alla costruzione si sono venuti a sovrapporre a quelli relativi al]’invaso, con applicazione della spinta idrostatica sul paramento di monte del nucleo.

Il comportamento della diga è stato seguito attraverso il monitoraggio del nucleo, della sua fondazione, del filtro e del contronucleo di valle, con misure di pressione neutra, assestamenti verticali, pressioni totali nel nucleo ed efficaci nel filtro.

Un modello matematico ad elementi finiti è stato quindi impiegato per simularne il comportamento, includendo la fase di costruzione ed invaso, con relativo collasso del contronucleo di monte dovuto alla saturazione del materiale granulare. I valori misurati durante i due anni di costruzione sono stati confrontati con quelli calcolati, ottenendo cosi una visione del comportamento dell’opera dal punto di vista geotecnico.


  La diga …


AUTORI: Belloni L. Tanzini M.
RIG ANNO:1990 NUMERO:3-4
Numero di pagine: 171


Allegato: https://associazionegeotecnica.it/wp-content/uploads/2010/11/RIG_1992_3-4_171.pdf
Allegato:
Articolo completo: https://associazionegeotecnica.it/wp-content/uploads/2010/11/RIG_1992_3-4_171.pdf