Accesso utente

Accedi

Resoconto 5th IYGEC 2013

La quinta edizione dell'International Young Geotechnical Engineers' Conference (5th IYGEC) si è svolta a Parigi presso l'École des Ponts Paris Tech, dal 31 agosto al 1 Settembre 2013. L’obiettivo principale dell'evento è stato quello di promuovere il contatto tra i giovani ingegneri geotecnici provenienti sia dal campo della ricerca sia dal mondo professionale.

La novità rispetto alle precedenti edizioni è stata quella di consentire la partecipazione all'evento non solo a due delegati di ogni Società Geotecnica Nazionale (60 %), ma anche a tutti i giovani ingegneri geotecnici interessati alla Conferenza stessa (40 %). In totale sono intervenuti 164 giovani ingegneri provenienti da 64 paesi: l'Europa ha contribuito in maggiore percentuale (57 %), a seguire Asia (19 %), Africa (11 %), Nord America (6 %), Sud America (5 %) ed Oceania (2 %). Poco più della metà dei partecipanti (55%) appartiene al mondo accademico mentre i rimanenti al settore professionale (45%). La maggior parte dei partecipanti è stata di sesso maschile (70%), ma il numero delle donne è aumentato rispetto alle edizioni precedenti (30 %). A tale proposito la delegazione italiana, nominata dall'Associazione Geotecnica Italiana, ha contribuito selezionando due delegati donna: Sara Amoroso, ricercatrice presso l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, sede di L'Aquila, e Francesca Ceccato, dottoranda presso l'Università degli Studi di Padova.

I lavori sono stati introdotti dalla cerimonia di apertura, presieduta dai Prof. Y. J. Cui, Prof. A. de La Bourdonnaye, Prof. Ph. Mestat e Prof. J. Nicks, e dalla Keynote Lecture, tenuta dall'Ing. Ala Puech (Fugro GeoConsulting, France) suI problema dei terreni inglobanti gas ("Gassy soils: a challenging issue in offshore geotechinical engineering").

Nei due giorni di conferenza si sono susseguite 128 presentazioni in 3 sessioni parallele riguardanti: stabilità dei pendii, prove di laboratorio e in sito, miglioramento dei terreni, fondazioni, opere in terra, modellazione numerica, opere in sotterraneo, monitoraggio, terremoti e geodinamica.

La qualità delle esposizioni e delle successive discussioni è stata molto elevata, considerando anche la "giovane" età dei relatori. In particolare, le tematiche affrontate hanno riguardato sia problemi legati alla pratica ingegneristica sia argomenti più strettamente di ricerca, introducendo tecniche innovative di indagine, interpretazione e progettazione geotecnica.

Le presentazioni preparate dalla delegazione italiana hanno riguardato la previsione della velocità delle onde di taglio con prove geotecniche in sito CPT e DMT ("Prediction of the shear wave velocity VS by CPT and DMT", Sara Amoroso) e lo studio dell’effetto del degrado del legno nelle palificate storiche di Venezia ("Effect of wood degradation and soil creep on the behavior of wooden pile foundation in Venice”, Francesca Ceccato). Quest'ultima è stata selezionata tra i migliori due interventi della Conferenza ed è stata pertanto replicata  In una delle sessioni plenarie dellal 18th International Conference on Soil Mechanics and Geotechnical Engineering (18th ICSMGE), svoltasi dal 2 al 6 settembre 2013 a Parigi. L’onore riservato ai due relatori prescelti ha coinciso anche con una sfida personale. Fare una presentazione ad una platea così vasta e competente come quella dell'ICSMGE richiede un po’ di coraggio e intraprendenza, qualità che tutti i giovani sanno che dovranno prima o poi dimostrare di possedere.

Tra i partecipanti del 5th IYGEC sono stati inoltre scelti 18 reporters, tra questi anche la delegata italiana Sara Amoroso, per fare una sintesi dell'evento, presentata anch'essa durante il 18th ICSMGE.

La Conferenza si è tenuta nell’incantevole Parigi, capitale europea multietnica, capace di attrarre numerosi giovani desiderosi di intraprendere carriere nei settori più diversi o semplicemente in cerca di opportunità di lavoro adatte alle proprie attitudini. Parigi è anche città d’arte e cultura e non può che essere una meta perfetta per giovani ingegneri caratterizzati da interessi non solo scientifici, madesiderosi di soddisfare anche la propria cultura generale. L’atmosfera si dimostra da subito stimolante per le giovani menti. A tutti i partecipanti è stata data la possibilità di soggiornare nella stessa struttura favorendo, in tal modo, la socializzazione, lo scambio di idee ed anche la nascita di nuove amicizie che potrebbero rivelarsi fruttuose in futuro o dare inizio a nuove collaborazioni. Durante l'evento pause caffè, pranzi e cena di gala hanno creato ulteriorimomenti di scambio e confronto.

La presenza di ingegneri provenienti sia dall’ambito accademico che professionale ha reso evidente le potenzialità e la necessità di collaborazione tra i due universi, che risultano molto vicini guardando ai giovani ingegneri. Molti infatti hanno da poco conseguito la laurea o il dottorato e sono appena entrati nella professione. È pertanto risultato a tutti molto semplice comunicare coi colleghi attivi anche in campi diversi dal proprio, grazie anche all’atmosfera non troppo formale, rivelatasi particolarmente adatta allo scambio culturale.

Si desidera ringraziare l'Associazione Geotecnica Italiana, per la grande opportunità offertaci con la partecipazione al 5thIYGECed al successivo 18th ICSMGE, unitamente all'Ecole des Ponts Paris Tech, alla French National Society for Soil Mechanics and Geotechnical Engineering e dall'International Society for Soil Mechanics and Geotechnical Engineering per la perfetta organizzazione dell'evento stesso.

 

Sara Amoroso, Francesca Ceccato

 

Master Universitario di II livello in Progettazione geotecnica - III Edizione

Master Universitario di II Livello - III Edizione Direttore: Prof. Ing. Augusto Desideri
Anno Accademico 2013/2014 Con il Patrocinio dell’Associazione Geotecnica Italiana

Le lezioni si svolgono in prevalenza presso la Facoltaà di Ingegneria in via Eudossiana, 18 in Roma,

a partire dal prossimo mese di novembre 2013.

Master in Progettazione geotecnica - III edizione

Allegati:

Geotecnica sismica - Corso di formazione professionale

Corso di  Formazione Professionale ““La progettazione geotecnica in campo sismico”", a cura  della Regione  Emilia Romagna  Servizio Geologico Sismico e dei Suoli, dell'Associazione Geotecnica Italiana e dell'Alta Scuola.
 

Periodo: ottobre-novembre 2013 ( 5 giornate per 5 moduli da 8 ore)

Sede: Regione Emilia Romagna,  Sala Polivalente dell’’Assemblea Legislativa, Bologna

corso-geosismica 2013

Allegati:

XXV - Convegno Nazionale di Geotecnica - La geotecnica nella difesa dl territorio e delle infrastrutture dai rischi naturali

XXV  - Convegno Nazionale di Geotecnica - Milano - Stresa

Nel giugno del 2014 si terrà il XXV Convegno Nazionale di Geotecnica sul tema: La geotecnica nella difesa del territorio e delle infrastrutture dai rischi naturali di cui si allega il Primo bollettino.

Il tema è di estrema attualità in considerazione sia delle condizioni climatiche, in continuo mutamento, sia delle modificazioni antropiche apportate nel tempo sul territorio. I fenomeni  naturali quali frane e alluvioni hanno infatti modificato la loro frequenza, intensità e tipologia.

Date importanti:

Presentazione dei sommari:   15 ottobre 2013

Testo delle memorie:            15 dicembre 2013

Accettazione memorie :         15 gennaio 2014

XXV CNG

Allegati: